Questo sito utilizza cookies. Chiudendo la presente notifica o interagendo con il sito, se ne autorizza l'impiego come descritto nella nostra informativa

  • Call Us +39 026744581 or
  • Email info@afidamp.it

Comunicati Stampa

Indagine AfidampFAB: Il cleaning professionale cresce del 5%

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
+ 14% per il comparto carta, + 2% per le macchine, + 1% per i chimici
Complessivamente il settore del professional cleaning nel 2015 ha registrato un fatturato di 1.510.245.221€, segnando l’avvio di una incoraggiante ripresa, trainata soprattutto dall’incisiva crescita del comparto della carta.
Per gli altri settori gli indici sono in segno positivo nella maggior parte dei casi, lasciando ben sperare per il prossimo futuro.  Ciò si denota in tutta l’industria italiana, come emerge dal dato 2014 sul Pil che, sebbene sia per il terzo anno consecutivo in territorio negativo, indica un miglioramento, passando dal -1,9% del 2013 allo -0,4%.
Dal 2009, anno dell’inizio della Grande Crisi ad oggi, il settore ha subito varie oscillazioni, sia di fatturato che di produzione, riuscendo comunque ad affrontare la congiuntura negativa meglio di altri comparti industriali . Gli anni più difficili sono stati il 2009 ed il 2010, durante i quali per alcuni specifici settori i cali di fatturato sono stati ingenti. Anche il 2012 ha segnato perdite ma meno consistenti, in media attorno al 5%; dal 2013 invece la situazione sembra stabilizzarsi verso un generale miglioramento, un trend confermato anche dalla rilevazione 2014. 
L’Italia in questi anni ha comunque sempre conservato la sua posizione di leadership e si conferma oggi uno dei primi produttori al mondo, insieme a Germania e Stati Uniti, soprattutto di macchine e attrezzature, ed uno dei più forti esportatori. 
 
DATI GLOBALI
 
Composizione percentuale del fatturato totale:
-le macchine, in termini di fatturato, rappresentano il 31% del totale produzione, con 468.429.257€
-i prodotti chimici il 13% con 199.868.934€ 
-le attrezzature il 5%,con  69.118.696€ 
-la carta, settore tissue destinato all’uso professionale, il 34% 514.525.465€
-fibre e panni il 2% con 27.225.624€
-accessori e ricambi macchine il 4%, con 66.687.850 €
-altri prodotti l’11% con 164.389.395€
 
Esportazione
Nel 2014 l’esportazione è pari al 54% della produzione e segna una crescita del 6% rispetto all’anno precedente.
Come ogni anno, il comparto macchine, si conferma  trainante sotto il profilo dell’export, con una media del 69% sull’intera produzione.
Il 40% del fatturato complessivo destinato all’esportazione è prodotto dalle macchine, seguite dalla carta con il 33%, da altri prodotti  con il 12% (dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici ad aria calda, batterie e caricabatterie, spazzole e dischi) e dalle attrezzature con il 5%. I prodotti chimici sono storicamente destinati al mercato interno e rappresentano il 4% del totale export.
Nel dettaglio, il totale fatturato del mercato estero è pari a 815.259.464€.
 
Mercati esteri
I mercati di riferimento restano l’Europa, l’Asia ed il Medio Oriente. L’Euro forte non ha favorito gli scambi con gli Stati Uniti, che probabilmente vedranno un’accelerata nell’anno in corso a causa del deprezzamento della moneta unica europea.
 
Mercato interno
Il mercato interno è guidato quest’anno dalla carta, con il 34% del totale del fatturato, seguita dai prodotti chimici, con il 24%. A seguire le macchine con il 21%, altri prodotti con il 10%, le attrezzature con il 4%, così come gli accessori e i ricambi per le macchine ed infine le fibre e i panni con il 3%.
Il totale fatturato del mercato interno è pari a 694.985.757€.
 
DETTAGLI SINGOLE CATEGORIE
 
Dettaglio macchine
Il comparto delle macchine rappresenta, in valore, il 31% dell’universo del Cleaning Professionale. Ha realizzato, nel 2014, 468.429.257€ di fatturato, registrando un +2% sul 2013, di cui il 69% (+1% rispetto al 2013) sui mercati esteri.
Ad una crescita del fatturato non corrisponde però una crescita della produzione: le macchine realizzate complessivamente nel 2014 sono state 868.633, -1%  rispetto all’anno precedente.
A guidare la produzione sotto il profilo numerico sono  aspirapolvere/liquidi, seguite da idropulitrici e lavasciuga. A livello di entità di fatturato restano trainanti le spazzatrici stradali. Segno negativo invece per macchine per moquette, idropulitrici e macchine a vapore, rispettivamente con un calo di produzione di -4%, -5% e -6% e di fatturato nella dimensione di, nell’ordine: -0,1%, -4% e -1%.
La produzione di macchine per la pulizia industriale si rivolge principalmente alle imprese di pulizia e servizi, che operano nell’ho.re.ca., nella pubblica amministrazione, nella scuola, nella sanità, nei servizi in generale. Segue l’industria nei suoi differenti settori. Per le macchine di valore superiore ai 20.000/30.000 euro si utilizza, solitamente, la pratica del noleggio.
 
Dettaglio prodotti chimici
Essenzialmente orientato al mercato interno, il comparto chimici nel 2014 ha realizzato un fatturato complessivo di 199.868.934€, in crescita del 1%, di cui il 17% (stesso dato nel 2013) derivante dal mercato estero. 
La leadership a livello sia di produzione che di valori spetta ai prodotti per pavimenti ed ambienti, all’interno dei quali spiccano i detergenti ed i detersolventi, con 56.917 tonnellate prodotte e 91.855.988€ di fatturato.
Nel 2014, complessivamente, sono state prodotte 110.677 tonnellate, con una variazione del -10% rispetto all’annata precedente.
 
Dettaglio attrezzature
Nel 2014, il comparto delle attrezzature (che comprende carrelli e telai, tessili per pavimenti, accessori vari) ha realizzato 69.118.696€ di fatturato, di cui il 63% (65% nel 2014) sui mercati esteri. Il fatturato totale segna un calo del 3% rispetto all’anno precedente a causa proprio della diminuzione dell’export. Sul fronte dei ricavi, domina il settore carrelli e telai, con ricavi che arrivano a 32.652.377€.
 
Dettaglio carta
Sotto la voce Carta si raccolgono le seguenti tipologie di prodotto: bobine e panni in carta e tessuto non tessuto, asciugamani in carta/tessuto, distributori di articoli in carta ( asciugamani, carta igienica, sacchetti), carta igienica, altri articoli igienici in carta (coprisedili, sacchetti). Il comparto, nel 2014, complessivamente ha fatturato 514.525.465€ con una crescita di ben 14 punti percentuali, di cui il 53% sui mercati esteri, in aumento di un punto percentuale. Il settore leader sotto il profilo dei profitti è quello degli asciugamani, con 206.860.256 euro di fatturato complessivo.
 
Dettaglio fibre e panni
Sotto la voce Fibre e Panni sono comprese tre tipologie di prodotti: abrasivi, panni per superfici, tappeti. Il comparto Fibre e Panni nel 2014 ha realizzato complessivamente un fatturato di 27.225.624€, di cui il 20% (uguale al 2013) di esportazione. Il fatturato complessivo è cresciuto di un punto, grazie soprattutto alla richiesta estera.
 
Dettaglio altri prodotti
Sotto la voce Altri prodotti sono comprese le seguenti tipologie di prodotto: dispenser per sapone e diffusori deodoranti, asciugamani elettrici/aria calda, batterie e caricabatteria, spazzole e dischi trascinatori, prodotti non classificabili.
Il comparto, nel 2014, complessivamente ha fatturato 164.389.395€, di cui il 58% (57% nel 2013) sui mercati esteri. Batterie e caricabatterie sono le produzioni leader a livello sia di fatturato che di prodotti. Spazzole e dischi trascinatori però rilevano la crescita più incisiva, in media del 5% del fatturato, mentre gli asciugamani elettrici sono in calo di mezzo punto.
 
Dettaglio Accessori e ricambi macchine
Gli accessori e ricambi macchine sono calati di ben cinque punti, con un fatturato che vale 66.687.850 euro. In aumento di un punto il fatturato italiano ma in calo, con un  -8% quello estero.