Questo sito utilizza cookies. Chiudendo la presente notifica o interagendo con il sito, se ne autorizza l'impiego come descritto nella nostra informativa

  • Call Us +39 026744581 or
  • Email info@afidamp.it

Per il Settore

Collegato Ambientale: si rafforza il sistema degli acquisti verdi

Il 2 febbraio è entrato in vigore il Collegato Ambientale, un provvedimento normativo che rappresenta un punto di svolta nella diffusione degli appalti verdi, come strumento per la promozione della “green economy”. 
Tra le novità più importanti: l’obbligo di applicare i criteri ambientali minimi negli appalti pubblici: nella totalità delle gare per servizi /prodotti che consumano energia e almeno per il 50% del valore delle altre gare per le altre categorie oggetto di definizione dei CAM. 
Si segnala inoltre l’applicazione del metodo di aggiudicazione del ciclo di vita dei costi: per valutare l’offerta migliore, le stazioni appaltanti devono quindi stimare nuovi elementi di costo, come il consumo di energia e altre risorse, i costi relativi al fine vita e quelli per le emissioni di sostanze inquinanti. 
Nei contratti sono previste  inoltre una riduzione della garanzia fideiussoria per la partecipazione alle gare e facilitazioni per accedere a contributi e finanziamenti per chi possiede la Registrazione al sistema Emas, la Certificazione Ambientale UNI EN ISO 14001, il Marchio “Ecolabel Ue” e, infine, per gli operatori che sviluppano un inventario dei gas a effetto serra o un’impronta climatica di prodotto.